LE RICETTE DEI FAN: LINGUINE ALLA CETARESE

Ricette
Le alici di Cetara portano in tavola il profumo della Costiera Amalfitana. Unite alle linguine danno vita ad un piatto dal sapore vivace ma delicato

Per gentile concessione di Silvio Martuscelli

Cetara è un borgo di pescatori in cui si respira un'aria ancora autentica. Fin dai tempi antichi, nel paesino della Costiera Amalfitana si è praticata la pesca delle alici che rappresentavano un alimento di largo consumo e il nutrimento principale delle popolazioni costiere.

Silvio Martuscelli ci ha suggerito una ricetta davvero succulenta: Linguine Antonio Amato alla "Cetarese", ovvero con filetti di alici fresche. Per rendere ancora più invitante e autentico il piatto, aggiungete fra gli ingredienti limoni della costiera e colatura d'alici, un concentrato di mare di cui bastano poche gocce per trasformare il più semplice piatto di pasta in un'esplosione di sapore.
Vediamo il procedimento e immaginiamo già il profumino!


Ingredienti per 4 persone

400 gr di Linguine Antonio Amato di Salerno

filetti di alici di Cetara freschissimi

una manciata di capperi dissalati

2 pugni abbondanti di olive nere

pomodorini tipo datterino

aglio, olio, prezzemolo, peperoncino q.b.

Procedimento

Sbollentate per pochi secondi i pomodorini; raffreddateli in acqua e ghiaccio e spellateli.

Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata e tiratela su appena inizia a piegarsi.

In una padella capiente, fate rosolare delicatamente uno spicchio d’aglio in camicia assieme al peperoncino e a qualche gambo di prezzemolo.

Dopo qualche minuto, togliete l’aglio e i gambi di prezzemolo e aggiungete le olive e i capperi.

Se necessario, abbassate la temperatura dell’olio aggiungendo una goccia di acqua di cottura della pasta.

Unite i pomodorini spellati schiacciandoli leggermente con una forchetta; coprite e fate cuocere per qualche minuto.

Aggiungete i filetti di alici, la pasta al dente e il prezzemolo tritato e, a fiamma spenta, fate mantecare con un filo d’olio a crudo.

In uscita, dopo aver impiattato, profumate con un’emulsione di olio, colatura di alici e buccia di limoni della costiera rigorosamente non trattati.

Buon appettito!

 

Scopri di più su questo prodotto nei Diari Salernitani