Ricetta: spaghetti con pesto di mandorle di Noto e capperi di Pantelleria

Ricette
Un viaggio nell’estremo sud italiano porta in cucina profumo di Sicilia

spaghetti capperi e pesto di mandorle

Oggi facciamo tappa in Sicilia, tra Pantelleria e Noto, per raccontarvi l'eccellenza dei prodotti di questa regione meravigliosa: il cappero di Pantelleria e le mandorle di Noto!

Prodotto I.G.P., il cappero di Pantelleria trae i suoi punti di forza dal territorio: la conformazione chimica del terreno in cui nasce e le forti escursioni termiche a cui è sottoposto lo rendono un prodotto unico al mondo. Così come inimitabile è la mandorla di Noto, conosciuta anche come mandorla Pizzuta. Protagonista assoluta della pasticceria siciliana, è stata portata qui dagli Arabi e oggi è presidio slow food. Noi vi proponiamo una deliziosa unione di questi ingredienti deliziosi, un pesto dove la "pizzuta di Noto", in contrasto con la sapidità del cappero, è l’elemento che dona equilibrio e delicatezza al piatto. Provare per credere!

Ingredienti per 4 persone:

320 g spaghetti Antonio Amato

100 g mandorle pelate

50 g olio evo Antonio Amato

50 g parmigiano

50 g capperi

sale q.b.

Procedimento:

Prima di procedere alla preparazione del pesto, scottate leggermente le mandorle in padella, senza aggiungere olio.

Prendete un mixer e frullate insieme mandorle, parmigiano e olio. Se il composto risulta troppo denso, potete aggiungere un mestolo di acqua di cottura della pasta che avrete provveduto a lessare e scolare al dente. Aggiungete i capperi e saltate gli spaghetti in padella con il condimento. Buon appetito!

 

Scopri di più su questo prodotto nei Diari Salernitani